BuoneNotizie.it

Musicraiser Festival, a Milano il crowdfunding sale sul palco

“L’idea è quella di creare un appuntamento fisso che metta Musicraiser sul palco una volta l’anno, portandolo fuori dal web”. Dopo il successo del festival della prima piattaforma di crowdfunding italiana del settore musicale (tenutosi il 29 agosto scorso al Carroponte di Sesto San Giovanni, in provincia di Milano), gli organizzatori pensano già alla seconda edizione e a tutte quelle che verranno in futuro.

Helsinki, la città del futuro

Duecento eventi in diversi punti della città e quaranta designer da tutto il mondo. Giovedì prossimo, fino al 13 settembre, va in scena l’undicesima edizione della Helsinki Design Week. Tema di quest’anno è Time Machine, un’occasione, per i designer presenti, di riflettere sul futuro della città, su che cosa possa rendere la vita più facile ai cittadini e gli spazi più funzionali.

Ecco le 6 migliori piattaforme di crowfunding. Il business nasce dal basso

La stretta creditizia delle banche ha incentivato la nascita e lo sviluppo di forme di sostentamento alternative che utilizzano la rete per raggiungere un bacino più ampio ed eterogeneo di investitori. In questo senso il crowdfunding è uno strumento di finanziamento collettivo che cerca di abbracciare i donatori di fondi per le imprese innovative…

Ex manager mollano tutto e creano il miglior e-commerce in Italia

Ex manager Privalia mollano tutto e fondano una startup che vende design online e vince il premio come miglior e-commerce italiano (fonte Netcomm). Hanno tutto quello che si può desiderare: un impiego da manager in un’azienda leader nell’ecommerce (Privalia) e stipendi alti. Eppure decidono di mollare tutto e mettersi in proprio: «Quando lo abbiamo detto ai nostri familiari e amici ci…

Google prepara 400 assunzioni a Dublino

Un nuovo centro di calcolo che porterà all’assunzione di 400 persone a Dublino. In questi giorni Google ha annunciato la creazione di un nuovo data center nella zona occidentale della città irlandese, Profile Park. Il centro, finanziato con 150 milioni di dollari, darà lavoro a oltre 400 persone, ampliando la sua presenza in Irlanda, dove, il motore di ricerca più…

Wwf, la sostenibilità è il futuro dell’Artico  

“Per dare un futuro all’Artico bisogna costruire una comunità resiliente, capaci di reagire agli effetti del cambiamento climatico facendo affidamento su energie pulite e nuovi posti di lavoro, proteggendo la natura e i paesaggi, salvaguardando la cultura e la prosperità delle comunità artiche – ha commentato Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed energia del Wwf Italia – le trasformazioni che stanno avvenendo nelle regioni artiche a partire dagli anni ’60 hanno un’influenza sul clima di tutto il Pianeta, in un vortice di meccanismi di feedback positivi che accelerano la fusione dei ghiacci e del permafrost, liberando nuove riserve di carbonio sotto forma sia di metano che di CO2. Vedere in tutto questo solo un’occasione per trivellare e liberare nuove riserve fossili sarebbe folle” 

La foresta più antica del mondo si visita in Germania 

La foresta primitiva più antica del mondo – 390 milioni di anni, molto più dei dinosauri – ha trovato casa nel dipartimento archeologico del Museo statale di Bonn, Germania. Il prezioso insieme di alberi primitivi fossili, dissotterrato in quella zona nel 2008-2009, sarà visitabile a partire da sabato 5 settembre. 

A Venezia il cinema è sostenibile con il Green Drop Award 

 Tutto pronto al Lido per la 72a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia che avrà inizio domani, 2 settembre, e che per il quarto anno consecutivo sarà accompagnata dal Green Drop Award, premio organizzato da Green Cross Italia che viene assegnato al film che “meglio abbia interpretato i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del Pianeta e dei suoi ecosistemi per le generazioni future, agli stili di vita e alla cooperazione fra i popoli”.

Un tatoo per spiegare la sua depressione ai genitori. La battaglia di Bekah Miles diventa virale

Un tatuaggio che diventa la via, il mezzo, per comunicare un segreto, una patologia diagnosticata. Questo è quanto Bekah Miles, studentessa 20enne originaria dell’Oregon, ha provato a fare – e con successo – tramite la sua bacheca Facebook. Il tatuaggio in questione aveva l’obiettivo di porre luce sulla sua depressione, di far sì che le persone attorno a lei si rendessero conto del momento che stava vivendo. “I’m fine” – “Sto bene” – si legge sulla sua gamba, ma basta girare la foto per trovarsi davanti alla scritta “Save me” – “Salvatemi”.

Artemest lancia un e-commerce dell’artigianato made in Italy

Artemest, il primo marketplace di artigianato italiano di altissima qualità, ha lanciato la sua piattaforma di e-commerce e lo shop oline. La startup italiana ha già ottenuto le sue prime vendite, principalmente in Europa e negli Stati Uniti, provando così che internet è un ottimo canale anche per l’artigianato di altissima qualità.

Brexit, ovvero: che succede se gli inglesi lasciano l’Europa?

Senza allarmismi, ma con lucidità, a volte può essere utile ipotizzare scenari internazionali possibili. Senza fare fantapolitica. Chi pensa che la minaccia del grexit si dilegui insieme al caldo torrido di questa estate, per esempio, sbaglia. Il problema del pagamento degli interessi sul debito greco potrebbe ripresentarsi tra un anno. Non è da escludere che la minaccia del grexit si ripresenti in concomitanza con il referendum sull’Unione Europea promesso dal premier britannico, David Cameron. Si tratterebbe di…

Trekking urbano, a ottobre percorsi tra arte e cibo in 50 città  

50 tra le più belle città d’arte italiane insieme per la XII Giornata nazionale del Trekking Urbano, il prossimo 31 ottobre. Nell’anno di Expo, da Nord a Sud, 50 Comuni italiani, guidati da Siena, offriranno un ricco programma di iniziative per scoprire, camminando, i luoghi più suggestivi delle città italiane, attraverso percorsi dedicati al gusto che uniranno arte, cultura e prodotti enogastronomici tipici di 19 regioni e 50 località del Belpaese. 

I ladiri: la tradizione sarda della terra cruda

La Sardegna è una delle regioni d’Italia che vantano una tradizione di architettura in terra cruda di antichissima data, un metodo costruttivo che è stato soppiantato dal cemento solo negli anni ’70 (quindi più tardi rispetto ai numerosissimi luoghi in cui il cemento ha sostituito le metodologie costruttive locali) e che di recente è tornato in auge anche grazie a…

7 articoli d’arredamento che renderanno la tua vita più semplice (e felice)

Gli Italiani e la casa: un amore che affonda le radici nei secoli  e che per anni ha fatto pendant con il ruolo – centrale – della famiglia. Basti pensare ai tanti film, ‘La famiglia’ di Ettore Scola in primis, divenuti celebri anche all’estero non solo per il valore artistico, ma anche come cartolina-prototipo della società italiana. Il tempo passa, però. Cambiano gli Italiani, cambia il concetto di famiglia e – di pari passo – cambia (ma senza perdere valore) anche il concetto di casa. Prendiamo l’arredamento, ad esempio. Sempre più indipendenti, oltre che inclini a ottimizzare costi e tempi, gli Italiani si affidano di meno al negozio di marca o alla figura intermediaria dell’arredatore e fanno la spesa online anche per arredare la propria casa.

L’e-commerce inizia infatti a prendere piede anche nel settore dell’arredamento, per esempio con siti come Livingo, mentre su internet spopolano programmi in 3D (Google Sketchup, Sweet Home 3D, Envisioneer Express, giusto per citarne qualcuno) attraverso cui è possibile costruire modelli, e ancora servizi per ristrutturare o arredare casa (come InteriorBe o CoContest) senza possedere particolari competenze informatiche. Allo stesso tempo, emerge la tendenza a dare importanza agli accessori: elementi di personalizzazione che consentano di variare un paesaggio domestico sempre meno statico e sempre più work in progress. In parte perché l’incremento dei trasferimenti lavorativi impone di far spesso armi e bagagli, ‘mettendo su casa’ altrove, in parte perché oggi, agli Italiani piace variare e a volte basta poco, una lampada ad hoc o un espediente inedito per dare alla propria casa un volto nuovo. L’importante è che la casa ‘resti casa': confortevole, accogliente, calda. Una tana in cui rifugiarsi e ritrovarsi, anche grazie all’introduzione di nuovi comfort.  Ecco, per esempio, 7 oggetti di arredamento che riflettono la nuova idea di casa e che renderanno la vostra vita più semplice (e felice).

1- Luci E’la luce a creare il paesaggio e a fare ambiente: lo sanno bene i fotografi, che spesso passano ore alla ricerca della luce ideale, della nuvola o del raggio di sole capaci di creare – come per magia – lo scatto perfetto. La regola vale per gli esterni, così come per gli interni: lo ha evidenziato anche il Salone del Mobile 2015, che alle luci ha dedicato un’importanza di prim’ordine. In questo senso, tramonta l’onnipresenza del lampadario centrale ed emerge sempre più la tendenza a sostituirlo con appliques e con lampade a terra.

2- Specchi ‘Specchio, specchio delle mie brame…’ ma non solo: oltre che altare alla vanità, lo specchio ha un potenziale davvero rivoluzionario se è pensato come oggetto di arredamento, soprattutto in ambienti piccoli e poco luminosi. Basta trovare la posizione giusta. Posto dirimpetto a una lampada o a una finestra, uno specchio può amplificare la luminosità di un ambiente in modo naturale. Posizionato in una stanza troppo piccola, può invece creare un effetto trompe l’oeil capace di far percepire l’ambiente come molto più ampio.

3- Carrello da cucina Per gli Italiani, la cucina rimane il cuore della casa. Rispetto al passato, anzi, forse ai fornelli si passa addirittura più tempo, come dimostra il pullulare di programmi televisivi dedicati alla cucina. Eppure, anche in questo senso qualcosa è cambiato e se in cucina si spadella a volontà, non necessariamente in cucina si mangia. C’è chi preferisce improvvisare uno spuntino sul divano, chi mangia nello studio e chi si inventa all’ultimo minuto una cenetta romantica in balcone. Ecco quindi che il carrello funziona come carovana gastronomica, capace di portare – così, su due piedi – la cucina in altre stanze.

4- Fontane da tavolo Non tutti possono permettersi una villa con giardino e c’è chi non ha nemmeno il bancone. Lo stress metropolitano e i ritmi lavorativi sempre più pressanti, ci fanno però spesso sognare evasioni bucoliche e immersioni nella natura non sempre possibili. Secondo alcuni, l’uomo ha una spontanea inclinazione a cercare la vicinanza ai 4 elementi: ciò che è certo è che, dei quattro elementi, l’acqua è quello che esercita il potere d’attrazione più forte. Un esempio? Basti pensare alla riapertura della Darsena, a Milano, che catalizza ogni sera folle di Milanesi sulle sponde del punto di incontro tra i Navigli. Ricostruire questa vicinanza con l’acqua in una casa – magari piccola – può sembrare utopico, ma non lo è. A volte, basta pochissimo: per esempio, una piccola fontana da tavolo con cui sostituire il concetto sempre più polveroso e datato di soprammobile.

5- Adesivi da parete La vostra camera da letto non ha un soffitto, ma un cielo stellato. Nella vostra cucina, un gatto gioca con una miriade di coloratissime farfalle. In corridoio c’è una cabina telefonica londinese e nel soggiorno una finestra si apre sulle mille luci di New York. Non si tratta di miraggi o di allucinazioni, ma semplicemente di adesivi facilmente applicabili e altrettanto facilmente sostituibili. Si trovano ovunque e sono il classico tocco di bacchetta magica che può trasformare un ambiente in qualcosa di totalmente diverso

6- Lavagne autoadesive da parete Certo, oggi esistono i cellulari e comunicare non è un problema, ma trasformare una parete di casa in agenda domestica, scriverci su un buongiorno per il proprio partner o regalare ai bambini la possibilità di disegnare sui muri senza rovinarli, non è cosa da poco. Esistono per questo le lavagne da parete, che oggi si trovano anche in versione autoadesiva.

7- Doccia-sauna-bagno turco In bagno è sempre più facile trovare la doccia, piuttosto che la vasca: più rapida, più pratica, la doccia ha infatti il pregio di occupare anche meno spazio. E’anche vero, però, che accanto a queste esigenze emerge sempre di più una controtendenza che spinge a rallentare i ritmo, cercando di diluire lo stress quotidiano. In una parola: rilassarsi. C’è quindi chi ha pensato di prendere due piccioni con una fava, trasformando la propria cabina doccia in un provvidenziale angolo relax. Certo la possibilità di avere una sauna-bagno turco a portata di mano, non è proprio economicissima, ma anche in questo senso internet fa miracoli e le soluzioni si moltiplicano a vista d’occhio.

Così è nata Jellyfish, la serra galleggiante italiana che non consuma suolo, acqua ed energia

In generale, fa sempre un certo effetto sentir parlare di agricoltura nel 2015, come se la terra e i suoi prodotti non ci riguardassero più, come se le stampanti 3D potessero un giorno stamparci anche i pomodori e le mele. Quasi che le nuove tecnologie ci avessero affrancato dalla dipendenza dalle piante, che ci sono invece necessarie per sopravvivere sul pianeta. Al contrario. La nostra dipendenza dall’agricoltura continua a crescere col crescere della popolazione mondiale…

Pagine