Feeds

Per amore delle rondini

Il Cambiamento - feed -

Non siamo più capaci di amare la vita e di difenderla e preservarla. La vita: i nostri figli, tutti i bambini, i boschi, i prati, gli altri animali, l'acqua e la terra. In una società in cui tutto è competizione, la confusione e la cecità regnano sovrane, e il profitto e la scalata sociale, con l'ostentazione che ne consegue, sono i primi valori.

Venezuela: UN human rights office calls for ‘maximum restraint’ by authorities in face of new demonstrations

ONU - aiuti umanitari - feed -

With another day of mass protests taking place across Venezuela, the UN human rights office (OHCHR) said on Wednesday it was “extremely worried by reports of the excessive use of force” by security forces, loyal to President Nicolás Maduro, a day after an opposition-led uprising appeared to stall. 

Maledetti Toscani, viaggio tra pellami e sapori di qualità

BuoneNotizie.it -

Maledettamente bravi, maledettamente creativi e comunicativi. Simpatici “a pelle” visto che è proprio la pelle che scelgono, lavorano, producono nei diversi settori dell’abbigliamento, ad essere la ragione della loro vita imprenditoriale e forse di vita. Maledetti Toscani: un binomio, una storia, una imprenditoria e un futuro tutto da raccontare. 

Alessandro e Nicola Quadri: così diversi ma così maledettamente simili quando mettono in campo la loro creatività.  Passandosi il testimone l’uno con l’altro con un solo obiettivo: tagliare di volta in volta il traguardo della genialità. Vengono da lontano i Quadri: una storia che ha inizio nel 1848. Alessandro, detto il “Belli”. Segno zodiacale leone. Orgoglioso, tenace, maniacale per il “tutto e sempre made in Italy” ed ossessivo quando si tratta “del rispetto per il cliente, sempre e comunque”. Trequartista da piccolo quando giocava a calcio adesso si è spostato nel ruolo che più lo compete “il regista dell’Azienda”. L’altra metà del cielo, come il nostro Belli ama definirlo, è “Nikke”, al secolo Nicola: meticoloso, preciso, perfezionista, attento ai dettagli ma soprattutto maniacalmente creativo. Segno zodiacale: manco a dirlo, Vergine. Subito sembra “il bel tenebroso”, poi diventa sorgnone. Ma quando entra in sintonia piazza i colpi migliori: perché è maledettamente artista, a tutto campo. E’ creativo il Nikke: disegna a mano, costruisce a mano, taglia la pelle conciata a mano; e tutti i negozi MT in Italia e nel mondo sono usciti dalla sua testa.

…continua a leggere su l’altraitalia

L'articolo Maledetti Toscani, viaggio tra pellami e sapori di qualità è tratto da BuoneNotizie.it.

Hatred ‘a threat to everyone’, urges Guterres calling for global effort to end xenophobia and ‘loathsome rhetoric’

ONU - aiuti umanitari - feed -

A “disturbing groundswell” of hate-based violence and intolerance aimed at religious devotees across all faiths, must be countered soon before it’s too late, the United Nations Secretary-General said on Monday, noting murderous attacks in just the past few days on a synagogue in California, and a church in Burkina Faso.

Sette italiani su dieci vogliono un'Italia che dice NO alle armi nucleari

Il Cambiamento - feed -

Un nuovo sondaggio promosso nei 4 Paesi europei che ospitano testate nucleari statunitensi (Italia, Germania, Belgio, Paesi Bassi) dalla Campagna ICAN e dai suoi partner nazionali (per l’Italia da Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo) conferma quanto già evidenziato da precedenti indagini: 7 italiani su 10 vorrebbero adesione dell’Italia al Trattato ONU contro le armi nucleari e 3 su 5 chiedono che le testate statunitensi vengano rimosse dal nostro territorio.

Perché il tuo avversario non è il tuo nemico

BuoneNotizie.it -

Vorrei chiarire qui un concetto elementare: senza un avversario non c’è gara e dunque non c’è vittoria. Non c’è merito, né credito, né gloria, né talento. Senza avversari non esistono il calcio e il tennis e la scherma, gli scacchi e la dama, la briscola e il gioco delle bocce, Risiko e Monopoli. Via le Olimpiadi, comprese quelle invernali. Via Sanremo. Via le gare di Formula 1.

GIOCARE UNA PARTITA. In effetti, è solo grazie all’esistenza del tuo avversario che puoi giocare la tua partita. E poi dai, senza il rischio di perdere non ci sarebbero neanche il piacere e l’orgoglio di vincere, no? In effetti, più il tuo avversario è grande, più importante può essere la tua vittoria.

ELIMINARE L’AVVERSARIO. Sembra però che la fantasia di eliminare l’avversario o gli avversari, e di farlo in modo definitivo, stia diventando pervasiva. Nelle tifoserie, comprese quelle genitoriali delle partite di calcetto tra ragazzini. Nella politica, ambito nel quale peraltro l’azzeramento degli avversari ha un nome inequivocabile e spaventoso: dittatura.
Forse abbiamo le idee confuse. Perfino a livello terminologico. Così, tendiamo a identificare ogni concorrente o avversario con un rivale, ogni rivale con un nemico, ogni competizione con un…

…continua a leggere

 

L'articolo Perché il tuo avversario non è il tuo nemico è tratto da BuoneNotizie.it.

Pagine

Abbonamento a Il portale della Fratellanza aggregatore