Feeds

Friday’s Daily Brief: Education key for Rohingya, DR Congo violence continues, Zimbabwe protest latest, women’s rights in Iran, environmental protection

ONU - aiuti umanitari - feed -

Our main stories today: Two years in, Myanmar’s Rohingya youth need more education; DR Congo testimonies highlight armed brutality; appeals for Zimbabwe to ‘stop cracking down’ on protesters; Iran urged to release women jailed for protesting veiling laws; and new human rights agreement on environmental protection.

Il Palio di Siena: dal Medioevo la sfida continua, anche in TV

BuoneNotizie.it -

Come da secoli a questa parte, il 16 agosto si tiene l’evento più importante di tutta la Toscana: il Palio di Siena. Una corsa ippica che attrae numerosissimi visitatori.

Il fascino di un evento antico di secoli ma sempre attuale

Il termine “palio” indica un drappo riccamente ricamato o dipinto che veniva consegnato al vincitore delle competizioni che si disputavano in alcune città italiane durante il periodo del Medioevo e del Rinascimento. Nel significato attuale, tale termine sta ad indicare anche la gara il cui premio è proprio il drappo.

Il Palio di Siena non è sorto come manifestazione turistica, in quanto è una vera e propria tradizione. Infatti, il primo Palio risale al 1633 e da allora si svolge regolarmente ogni anno presso Piazza del Campo. Si tratta di una gara tra i rappresentanti delle 17 Contrade. Ognuna è come uno Stato in miniatura, i cui confini sono stati definiti nel 1729 dalla Governatrice di Siena, Violante di Baviera.

In ogni Contrada vi è un Seggio presieduto da un Priore guidato da un Capitano; quest’ultimo è assistito da due o tre tenenti che altri non sono che contradaioli. L’aspetto curioso è che dal Medioevo questa organizzazione interna non è stata mai modificata, così come l’obiettivo di realizzare attività benefiche come il sostegno economico verso le aree terremotate d’Italia. E così, il Palio rappresenta solo la punta dell’Iceberg di tutta la vita quotidiana delle Contrade. Il Palio si svolge due volte all’anno: il 2 luglio (Palio di Provenzano) e il 16 agosto (Palio dell’Assunta), sempre in onore della Madonna, rivelando l’origine medievale dell’evento.

Le regole del Palio di Siena

Innanzitutto, vi è una prima estrazione di 10 dei 17 quartieri di Siena che si andranno a fronteggiare sul Campo ricoperto da tufo, argilla e sabbia per ridurre il rischio di incidenti.

Allo scoppio del mortaretto escono i cavalli dall’Entrone in base all’estrazione. Ogni fantino riceve un nerbo di bue per interagire con il cavallo incitandolo o rendendo la gara difficoltosa agli avversari delle altre Contrade. In seguito a ciò, ci si approssima alla “mossa“: è un punto attraversato da due canapi  che servono per far allineare tra di loro i fantini. L’ultima Contrada entrerà già in movimento sancendo l’inizio del Palio. In caso di partenze non corrette, un secondo scoppio del mortaretto fermerà la gara. I cavalli percorrono quasi 1000 metri corrispondenti a tre giri di pista. Si tratta di una “giostra medievale” in cui è permesso di tutto, compreso anche corrompere il fantino con ulteriore denaro per recar danno a una Contrada rivale. Al temine del Palio si decreta il vincitore: il cavallo. Che, sì, può giungere al traguardo anche privo del fantino e cioè “scosso”. Il tutto per circa una novantina di secondi di corsa. In seguito, i vincitori  si recano col loro trofeo nella Basilica della Madonna di Provenzano o presso il Duomo (a seconda della data) per ringraziare la Madonna con il canto Maria Mater Gratiae. Infine, tra settembre e i primi giorni di ottobre si tiene la “cena della vittoria“, a cui assistono moltissimi contradaioli oltre al cavallo vittorioso, il vero e proprio protagonista della vittoria.

L’appuntamento in TV

Le 10 squadre estratte che si andranno a fronteggiare sono: Aquila, Pantera, Bruco, Torre, Oca, Onda, Drago, Istrice, Selva e Chiocciola. Per tutti gli appassionati di questo evento che non hanno potuto recarsi a Siena, il consiglio è quello di sintonizzare i televisori alle 18.15 su Rai2, così come comunicato dal sito dell’ufficio stampa della Rai. Nel corso della trasmissione, condotta da Annalisa Bruchi, vi saranno anche alcuni contributi filmati e interviste. E tanta trepidazione, dal momento che tre Contrade avvertono particolarmente la necessità di una vittoria: l’Aquila, che non vince da ben 27 anni; la Chiocciola, da 20 anni; la Pantera da 13 anni; e, infine, il Bruco da 11.

Appuntamento a questo pomeriggio, allora. E, come si dice… Che vinca il migliore!

L'articolo Il Palio di Siena: dal Medioevo la sfida continua, anche in TV è tratto da BuoneNotizie.it.

Pannelli di paglia di riso: negli Usa nasce un maxi impianto

BuoneNotizie.it -

La paglia in edilizia sta trovando spazio, anche se è ancora un settore di nicchia. Ma non la pensano così negli Stati Uniti dove un’impresa ha investito 315 milioni di dollari per realizzare un impianto grazie al quale diventerà essere il primo produttore al mondo di pannelli di fibra a media densità. Se non vi dice nulla il nome tecnico, pensate che sono i più famosi e diffusi pannelli di fibra, spesso preferiti al compensato, largamente usati per produrre mobili e soluzioni di arredo…

L'articolo Pannelli di paglia di riso: negli Usa nasce un maxi impianto è tratto da BuoneNotizie.it.

La spossatezza estiva si batte a tavola

BuoneNotizie.it -

Si chiama “Natsubate” che letteralmente significa “esaurimento estivo” ed è la diagnosi, fornita dagli scienziati giapponesi, alla spossatezza, i problemi di digestione e la letargia che prendono il sopravvento con l’aumento repentino delle temperature. Una condizione fisica, di costante stanchezza causata dall’estate che può anche portare a disidratazione, crampi e colpi di calore. Eppure, tenerla a bada non sembra poi così difficile. Secondo quanto dichiarato a The Japan Times da Keiko Kamachi, dietologo e professore di nutrizione presso la Kagawa Nutrition University di Tokyo, il segreto è racchiuso in una dieta corretta e in piccoli pasti che forniscano la giusta dose di energie e nutrienti durante la giornata.

Questa dieta, che in Italia prende il nome di “regola dei cinque pasti”, produce effetti positivi non solo sul corpo ma anche sullo stato mentale, riducendo il rischio di ansia, depressione e stress emotivo…

L'articolo La spossatezza estiva si batte a tavola è tratto da BuoneNotizie.it.

Ferragosto 2019: musei aperti a Milano, Firenze, Roma e Napoli

BuoneNotizie.it -

Buone notizie per gli amanti dell’arte per un Ferragosto 2019 all’insegna della cultura. Anche quest’anno, infatti, sono numerosi gli appuntamenti previsti con musei e parchi archeologici che, in barba all’estate, resteranno aperti per ferie. Per la gioia di tanti turisti, italiani e non, che potranno ammirare (a volte anche gratuitamente) i beni culturali presenti a Milano, Firenze, Roma e Napoli. In alcuni casi gli orari di apertura si prolungheranno fino a sera. Ma vediamo ora più nel dettaglio le iniziative che caratterizzeranno il 15 agosto. A partire da Milano.

Ferragosto milanese

Il comune milanese, all’interno del programma “Estate Sforzesca“, ha organizzato ben 82 eventi suddivisi tra musica, teatro e danza per soddisfare le diverse esigenze di intrattenimento e cultura. Tanto dei milanesi quanto dei numerosi turisti che vi si recano in visita. Il programma, che si concluderà il 25 agosto, prevede 60 spettacoli a pagamento e 22 gratuiti. Per la giornata di Ferragosto 2019, l’evento gratuito previsto è uno spettacolo pirotecnico sulle note di musica classica, a cura dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, dal titolo “Fuochi d’Artificio”. Appuntamento, allora, alle 21 al Castello Sforzesco.

Tra i numerosi musei con aperture straordinarie, sono da visitare la Galleria d’Arte Moderna con la mostra dedicata all’artista Andrea Ventura, fruibile fino all’8 settembre. Presso i Mudec – Museo delle Culture, invece, sarà possibile visitare, tra le altre, la mostra “Capitani coraggiosi – L’avventura umana della scoperta (1906 – 1990). Infine, anche il Museo del Novecento, il Padiglione d’Arte Contemporanea e il Palazzo Reale permetteranno di esplorare varie mostre; in particolare, quelle dedicate all’artista Ugo Nespolo e ai Preraffaelliti esposte presso il Palazzo Reale.

Cultura nella Città Eterna

Anche nella Capitale d’Italia sono numerosi i luoghi visitabili, sia a titolo gratuito che a pagamento, e che accontenteranno i gusti tanto degli appassionati d’arte quanto di chi vorrà esplorare i monumenti.

Tra i vari luoghi aperti al pubblico, saranno visitabili gratuitamente la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e le Terme di Caracalla. Per quanto riguarda i musei, sarà fruibile liberamente anche il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, dove si potranno apprezzare le sue innumerevoli meraviglie.

Sarà inoltre possibile visitare, questa volta a pagamento, il Colosseo, il Pantheon, le Terme di Diocleziano oltre al Foro. In aggiunta a ciò, altri immancabili monumenti da ammirare sono le gallerie Spada, Corsini e Borghese; per quest’ultima, in particolare, è doverosa la prenotazione. Inoltre, a Palazzo Barberini sarà possibile visitare fino al 6 settembre la mostra del fotografo Robert Mapplethorpe, insieme alle altre opere permanenti.

Chi fosse interessato a trascorrere un Ferragosto 2019 lontano dalla metropoli, invece, potrà recarsi presso l’Area Archeologica di Ostia Antica e il Museo Ostiense. Mentre a Tivoli si potranno ammirare per tutta la giornata Villa Adriana, Villa Gregoriana e Villa d’Este.

Firenze: il Ferragosto nella città di Dante

I fiorentini e i visitatori della città del Sommo Poeta potranno ammirare gli Uffizi e Palazzo Pitti. Senza dimenticare la Galleria dell’Accademia, che chiuderà battenti alle 22; Palazzo Vecchio che concluderà l’orario di accesso alle 23; e la Torre di Arnolfo che resterà aperta fino alle 21. Il Forte Belvedere, invece, sarà esplorabile fino alle ore 20. Accanto a questi monumenti, ce ne sono altri che potranno impreziosire il proprio bagaglio culturale, come il Giardino di Boboli e l’immancabile Duomo. In occasione della loro apertura, si potrà visitare il Bargello, il Palazzo Davanzati oltre al Museo Archeologico Nazionale; luoghi, questi ultimi, aperti solo fino alle 14.

I beni culturali accessibili gratuitamente sono Villa Bardini e il Museo di San Marco.

Le meraviglie di Napoli

Anche Napoli si prepara ad accogliere i turisti che vi si recheranno in visita, con aperture straordinarie che si affiancheranno a quelle classiche. Si potranno visitare gratuitamente il Parco e Tomba di Virgilio e le Gallerie d’Italia del Palazzo Zevallos Stigliano. Altro luogo accessibile senza alcun contributo economico sarà il Parco Archeologico di Ercolano. E, a proposito di parchi, si potrà far visita a quello Regionale dei Campi Flegrei e di Paestum. Saranno aperti anche il Museo Archeologico Nazionale e quello di Capodimonte, oltre al Palazzo Reale. Si potranno visitare, inoltre, la Certosa e il Museo di San Martino, oltre al Museo Duca di Martina.

Gli estimatori dell’arte potranno visitare il Museo MADRE; mentre, per gli amanti della fotografia potrebbe essere una buona idea quella di visitare Villa Pignatelli: al suo interno, infatti, è presente la Casa della Fotografia.

Insomma, si prospetta una giornata alternativa alla tradizionale vacanza sulla spiaggia. Una giornata  all’insegna della Cultura per scoprire e riscoprire le meraviglie di quella che è stata definita “la Penisola dei tesori”, l’Italia.

A proposito di Cultura, potrebbe interessarti anche:

Perché la cultura hygge ha reso la Danimarca uno dei Paesi più felici al Mondo

L'articolo Ferragosto 2019: musei aperti a Milano, Firenze, Roma e Napoli è tratto da BuoneNotizie.it.

Ponte Morandi: i dettagli del nuovo progetto di Renzo Piano per Genova

BuoneNotizie.it -

Il 14 agosto di un anno fa crollò il ponte Morandi. In quello stesso luogo, a un anno di distanza si sta già realizzando il nuovo ponte “Per Genova” che attraverserà la Val Polcevera. Iniziato a costruire dalla società consortile PerGenova S.C.p.A., il nuovo progetto di Renzo Piano intende rimettere in comunicazione Genova con Genova. In sicurezza, questa volta.

Lungo 1.067 metri, sarà costituito da 18 pile di cemento armato e 19 campate. Alla fine dei lavori, prevista per il 15 aprile 2020, il nuovo ponte assumerà le sembianze della carena di una nave, il cui colore chiaro lo renderà omogeneo con il paesaggio circostante.

Un ponte “semplice e parsimonioso, ma non banale”

È così che l’ha definito il suo ideatore. E, aggiungiamo, tecnologico e a basso impatto ambientale. Infatti, tramite degli appositi pannelli fotovoltaici il ponte assorbirà l’energia del sole per utilizzarla giorno e notte per l’illuminazione, gli impianti e i sensori. Come accennato prima, secondo il progetto il ponte fa della sicurezza il suo punto di forza; ricorre, infatti, a un sistema di sensori e all’automazione robotica per tenere sotto controllo l’intera tratta e mettere in atto gli interventi di manutenzione. Inoltre, è prevista la realizzazione di un sistema deumidificante che impedisce lo svilupparsi della condensa salina e che circoscrive i danni della corrosione. Infine, verrà realizzata una banca dati sempre consultabile e utilizzabile per realizzare altri ponti.

Attualmente, del progetto di Renzo Piano si sta per realizzare la terza campata, che verrà completata all’arrivo dei materiali necessari. Come si apprende dal sito, “il cantiere, a parte il minuto di silenzio che sarà osservato oggi in occasione della cerimonia di commemorazione, non si fermerà nemmeno il 15 agosto, lavorerà ininterrottamente giorno e notte”. Il che promette un futuro costruttivo, per Genova e per l’Italia intera.

Rivedi il video della demolizione del ponte Morandi.

Guarda i lavori di rocostruzione del Ponte in diretta

Potrebbe interessarti anche:

Il carpooling aiuta Genova: 5000 auto in meno sulle strade

L'articolo Ponte Morandi: i dettagli del nuovo progetto di Renzo Piano per Genova è tratto da BuoneNotizie.it.

Città ecosostenibili, ecco dove nasce la lotta al climate change

BuoneNotizie.it -

L’attenzione ai cambiamenti climatici parte dalle città. Anzi, dalle città ecosostenibili. Di recente 27 hanno firmato la dichiarazione per l’adattamento climatico delle green city. Tra loro ci sono Roma, Milano, Firenze, Napoli, Genova, Bergamo, ma non solo. C’è anche una piccolissima realtà come la sarda Sorradile (360 abitanti circa), che è un’eccezione virtuosa, ma ce ne sono diverse poco sopra i 30mila abitanti. Sono realtà che dietro alla firma, mostrano spesso un’attenzione accentuata all’ecosostenibilità. Ecco qualche esempio.

DALLE RINNOVABILI AL PLASTIC-FREE – Partiamo con Assisi, simbolo delle realtà urbane green, tanto che la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (UNFCCC-COP22) di Marrakech l’ha proposta come laboratorio internazionale per reinventare le città in chiave ecosostenibile. Di recente è stato firmato un protocollo d’Intesa tra Ministero dell’Ambiente e Comune umbro per promuovere la diffusione di pratiche virtuose per la tutela dell’Ambiente. Non solo: l’amministrazione locale ha approvato…

L'articolo Città ecosostenibili, ecco dove nasce la lotta al climate change è tratto da BuoneNotizie.it.

Beach scanner, la app per trovare la spiaggia giusta

BuoneNotizie.it -

Trovare la spiaggia dei sogni dal proprio smartphone oggi è possibile, grazie ad una app. Si chiama «Beach Scanner» la guida sempre al nostro seguito sul cellulare, che offre la possibilità di ricercare la spiaggia con le qualità preferite e di organizzare l’intero programma delle imminenti vacanze: la scelta dell’hotel, la rosa dei ristoranti e degli stabilimenti, le attività sportive da svolgere. Il tutto con l’aggiunta dei consigli e delle valutazioni rilasciate da chi è stato nel posto prescelto prima di noi. Lungo il solco inaugurato da «TripAdvisor», dunque, anche le vacanze al mare hanno adesso uno strumento di valutazione digitale a cui si preannuncia che possano fare riferimento migliaia di famiglie pronte a staccare la spina durante il mese di agosto…

L'articolo Beach scanner, la app per trovare la spiaggia giusta è tratto da BuoneNotizie.it.

Le "dangerous liaisons" tra l'industria alimentare e la ricerca per la salute pubblica

Il Cambiamento - feed -

Sono così chiari e trasparenti i rapporti tra la ricerca nel campo della salute pubblica e l'industria alimentare? No e, a quanto pare, le linee guida sono ancora molto fumose. Ce lo spiega in questo interessante articolo Giulia Loffreda, membro dell'associazione "No Grazie Pago Io" alla quale aderiscono operatori della salute che non accettano nulla da Big Pharma.

Xylella in Salento, espiantati migliaia di alberi: rigenerazione al via

BuoneNotizie.it -

L’esempio dei fratelli Matteo e Ettore Congedi, nell’agro di Ugento

“Nessun disastro o desertificazione ma solo la fase due della rigenerazione”. Gli olivicoltori salentini stremati dalla piaga della Xylella fastidiosa che ha distrutto gli olivi sono alle prese in questi giorni con le prime operazioni di eradicazione degli alberi malati e seccati, in vista della sostituzione delle piante con altre maggiormente resistenti o intolleranti al batterio che ha già raggiunto il capoluogo regionale di Bari. Davanti ai loro occhi non vedono un territorio che si va impoverendo per la sottrazione di esemplari spesso secolari ma una distesa di terreni che attende solo di essere rinverdita con piante che possano dare un prodotto di qualità…

…continua a leggere

L'articolo Xylella in Salento, espiantati migliaia di alberi: rigenerazione al via è tratto da BuoneNotizie.it.

Pagine

Abbonamento a Il portale della Fratellanza aggregatore