Pensiero del giorno: Il lavoro del cervello

L’essere umano, creato a immagine di Dio, è abitato da un'entità che è l’emanazione di Dio stesso: il suo Sé superiore. Ma quell'entità divina non dimora nel suo corpo fisico, poiché se avesse la sua dimora nel corpo, vi realizzerebbe dei prodigi.
Secondo il grado di evoluzione di un essere, il suo Sé superiore viene a prendere contatto con il suo cervello più o meno spesso e più o meno a lungo. Ma dato che, per il momento, nessun cervello umano è pronto a sopportare la potenza delle Sue vibrazioni e a mettersi all’unisono con Lui, il Sé superiore non vi si trattiene a lungo. Dovrà lavorare a distanza e ancora per molto tempo sul nostro cervello per prepararlo, e solo se gliene daremo le condizioni. Solo il giorno in cui il nostro cervello sarà in grado di ospitarlo, il nostro Sé superiore prenderà interamente possesso di lui. 

Omraam Mikhaël Aïvanhov

 

Contenuti: