Pensiero del giorno: La risonanza degli opposti

La legge di risonanza è la conseguenza, in un certo senso, dell'attuazione della legge di polarità quando, essa legge è portata ad un livello superiore. La legge di polarità recita che due poli uguali e contrari si attraggono producendo un campo magnetico. Essa parla di due poli, il positivo e il negativo, che hanno cariche opposte; come l’uomo e la donna. Gli opposti, quindi, si attraggono e respingono in un movimento alternato che comporta dapprima uno scontro per poi giungere all’armonia.

Questo gioco della polarità è bene espresso nella dualità tra nemici che si attraggono talmente da farsi guerra per poi giungere, magari dopo molti anni, a divenire talmente amici da cooperare insieme come è accaduto in Europa tra Francia e Inghilterra o Italia e Germania e, dopo la seconda guerra mondiale, tra Stati Uniti e Giappone. Pensiamo anche alla conflittualità nel rapporto di coppia, laddove i due poli si attraggono per scoprire, riconoscere e poi elaborare i propri attriti al fine di risolverli nell’amore.
E qui avviene la conversione della polarità in risonanza.

È indispensabile, infatti, che la coppia di opposti riconosca una finalità di intenti che l’accomuni. Finalità che è trasmutata in affinità (avere lo stesso fine) e, quindi, in risonanza. La legge di risonanza recita che un'entità vibra, seppur ad ottave differenti, rispetto alla stessa nota base emessa da un centro o nota radiante (vedi la risonanza tra diapason). In altri termini, significa che, dato un centro emanante un’onda vibrante ad una specifica nota, i punti disposti sui cerchi concentrici di quell’onda vibreranno alla stessa nota, pur su orbite o ottave differenti.  Da questa definizione apparirà evidente la similitudine della disposizione degli elettroni (carica negativa) rotanti intorno al nucleo protonico (carica positiva) di un atomo; come a dire che nell’atomo avviene la realizzazione contemporanea delle leggi di polarità e risonanza. Per analogia si possono suggerire tanti altri esempi di risonanza a vari livelli di scala e in differenti categorie di attività, dall'economia al sociale, tutti accomunati da una raggiunta affinità di propositi e motivazioni.

Possiamo, alla fine, comprendere che la risonanza è ottenuta dall’affinità di intenti di due entità polarizzate, o coppia di opposti, che si riconoscono complementari. Tale realizzazione conduce inevitabilmente alla fusione degli opposti in unità di sintesi.

Contenuti: