Pensiero del giorno: Da 0 a 10 i numeri della creazione

Dallo 0 come potenziale immanifesto sorge l'impulso trino a manifestarsi. Volontà, Amore e Intelligenza sono gli aspetti qualitativi del Divino che si manifesta. Ma i 3 sono anche 1 poiché espressione dell'unico Creatore. La Trinità così composta proietta il suo riflesso nei piani inferiori dove viene a costituire una seconda tripicità formata da mente, emozioni e fisicità: i 3 piani del mondo apparente. I 3 sopra e i 3 sotto costituiscono una coppia di opposti, o dualità,  che esprime la parità o l'equilibrio delle forze in gioco. Il numero 6 (i 3 sopra + i 3 sotto) ha, dunque, valore di stabilità. Il 4 é il numero che media tra la coppia dei 3, poiché si trova proprio tra i primi 3 e i secondi 3. In virtù della sua mediazione, volge il 6 in movimento o, in altre parole, trasforma la staticitá simmetrica in asimmetria dinamica. In tal modo produce, assieme alla coppia di 3, il settenario creativo che è il movimento del Proposito Divino entro la molteplicità delle forme sostanziali.

 

Ciò che produce il movimento e muta il 6 in 7 é la Coscienza (il 4) che media tra le due triplicitá. Ma la Coscienza o Anima per agire sulla materia deve incarnarsi costituendo l'essere umano che ha valore numerico 5 come ci ricorda l'immagine dell'"uomo di Vitruvio" di leonardesca memoria. Il 5 esprime appieno lo sforzo creativo della coscienza che, riunendo in sé le qualità della Trinità Divina e le caratteristiche della personalità umana, plasma le forme per manifestare la potenza di Dio. La manifestazione, come sappiamo, è ciclica, e dunque esprime numericamente l'8, simbolo dell'infinito ripetersi dei cicli. Ma la ciclicità produce, in realtà, il movimento a spirale dell'evoluzione che in sè è un 9, come si deduce dal suo segno. E l'evoluzione spinge la Coscienza a plasmare le forme fino a completarle nella perfezione. Dio che è 1 contempla nel 10 la perfezione della Sua Creazione. Così Alfa e Omega si fondono nel compimento: 010.

 

 

 

Contenuti