Testimonianze sul corso per Operatore ArchetHealing

operatore ArchetHealing

Scopri come partecipare al corso.

Anna Castaldi di Napoli
Quattro anni fa sono stata la prima a sperimentare questo metodo come assistita e, dopo aver fatto il corso, sono diventata Tutor. Il che mi porta ad essere profondamente convinta che questo metodo di guarigione sia più efficace di qualsiasi ciclo di sedute psicoanalitiche. Il fatto stesso che ci porti a scavare direttamente nel profondo, facendo solo 4 domande al nostro personaggio di dolore, ci consente di guardarlo negli occhi per la prima volta. Poi, nella successiva fase di elaborazione secondo una precisa e pratica procedura, agisce direttamente sulle nostre cellule innescando un rinnovamento totale. In conclusione, penso che questo metodo ci dia modo, in ogni momento della vita in cui si presenti la sofferenza, di guardarla in faccia e guarirla. Di conseguenza, ci dà il metodo per auto-guarirci e aiutare gli altri nella guarigione.

Adele Sanfilippo di Messina
La prima volta che ho incontrato ArchetHealing è stato un po’ ai suoi primordi, nel 2016, quando smanettando su internet sempre alla ricerca di qualcosa che fosse in risonanza con il bisogno di crescita spirituale che impelleva dentro di me, ho trovato il sito di Fraternity e l’annuncio di un Laboratorio sull’Innocuità. La parola Innocuità mi risuonò immediatamente con forza, e poi vidi con stupore che il corso era gratuito! Devo dire che questo mi diede immediatamente una informazione quantomeno di unicità, e così in quattro e quattr’otto organizzai la partenza per Paestum, insieme a mia figlia. Lì conobbi Edoardo, Anna, la sua compagna, che avvertii così affine da sembrarmi una sorella, ed altre persone veramente amabili, di cui alcune sono ancora adesso in questo percorso.
Dopo quell’assaggio però ho avuto bisogno di fare altre esperienze, prima di ritrovarmi, l’anno scorso, dopo tre anni, a voler riprendere quell’insegnamento. E ho fatto il corso di Operatore ArchetHealing, che nel frattempo Edoardo Conte, il suo inventore, o forse scopritore, aveva integrato e rafforzato, scrivendo anche un libro su quel Metodo di auto-guarigione.
Il Metodo è fondamentalmente semplice, come tutte le cose importanti; ma sottende insegnamenti antichi e profondi. Per questo, il corso è stato interessantissimo, poiché ad ogni passo si prestava ad aperture sulla natura delle emozioni, del corpo, dell’anima, sul funzionamento del magnetismo, della fisica, dell’astronomia, e di ogni argomento immaginabile, dato che sono tutti interconnessi. Ed Edoardo, con grande pazienza e l’entusiasmo che nasce dall’amore per questo insegnamento, ha sempre risposto ad ogni domanda, aprendoci ancora nuovi orizzonti. Ma la cosa più sorprendente è stata la potenza e la velocità con cui questo sistema entra a rendere palesi meccanismi che fin dall’infanzia si sono consolidati e che continuano a darci “fastidio” ( per usare un eufemismo). 
E così ho iniziato un "Viaggio", fra i più intimi che si possano immaginare; e un dialogo con parti fino allora sconosciute di me che, nel giro di un solo ciclo lunare, dal Novilunio al successivo Novilunio, hanno portato a risoluzione antichi dolori e resistenze. Queste poche parole non possono descrivere la ricchezza dell’esperienza e le sfaccettature che poi si sono aggiunte, e ancora si aggiungono, perché, volendo, ci si può entusiasmare al punto da continuare con altri cicli e altri "personaggi" di dolore. Infine sono diventata Tutor ArchetHealing, riuscendo a supportare persone care o amici, come è successo con mia figlia ed alcune conoscenti.
Ringrazio quindi di cuore Edoardo per aver portato alla luce questo "metodo", con passione e dedizione, e sicuramente con la sua mente illuminata e sempre aperta a nuove visioni; e per la sua passione e amorevole cura nell’insegnare a chi sta come noi un po’ dietro, ma desideroso di ampliare i propri concetti e possibilità di amare e partecipare della Vita Una.

Margherita Cuscunà di Catania
Guarire la nostra sofferenza più antica, quella che ci imprigiona in comportamenti difensivi, ripetitivi, si può ed anche in tempi relativamente rapidi. Ho incrociato ArchetHealing poco meno di un anno fa, per caso, apparentemente! La mia Anima è stata attratta, e sperimentandolo prima su di me, poi, da Operatrice abilitata o Tutor, su altre persone, ne ho constatato l’efficacia! Perché, mi sono domandata? Usa il linguaggio delle immagini, adatto a favorire la trasformazione delle nostre emozioni, generalmente refrattarie alla persuasione della mente logico razionale, infatti quante volte ci siamo trovati a constatare che pur conoscendo il comportamento più giusto ci siamo trovati ad agire in modo difforme o addirittura opposto! ArchetHealing, con un procedimento che coinvolge il piano fisico (a livello molecolare), emotivo e mentale, sostituisce il modello corrotto con quello corretto, intonato ai valori originari: gli Archetipi. Sembra una magia, ma è scienza, fondata sulle leggi della psicodinamica, che la psicosintesi ci ha insegnato. Gratitudine immensa a Fraternity ed al suo ideatore.

Stefano Tantillo di Trieste
Comprendere, guarire ed evolvere sono obiettivi che mi accompagnano da sempre, anche se in partenza ne avevo minore consapevolezza. Sono uno sperimentatore curioso e coraggioso, il che mi ha portato a muovermi in svariate direzioni e a raccogliere frutti differenti. Avendo fatto esperienza del metodo ArchetHealing direttamente come assistito e indirettamente come Operatore e Tutor, mi permetto con serenità e con sicurezza di sottolinearne la grande bellezza e la profonda efficacia. Non a caso in entrambe le modalità sono pervenuto alla stessa granitica constatazione: VOLERE È POTERE E QUESTO METODO COSTITUISCE UN MERAVIGLIOSO PONTE DI CONGIUNZIONE TRA INTENZIONE E REALIZZAZIONE. Non vi è via di scampo! 
Il percorso è infallibile lungo una doppia traiettoria: chi vuole davvero cambiare cambia (condizione indispensabile e sufficiente è il rispetto di ogni fase e di ogni passaggio), chi non vuole davvero cambiare ne acquisisce definitiva consapevolezza (poiché tutto viene messo a nudo, anche le resistenze meglio mascherate). Entrambe le eventualità rappresentano per me delle grandi acquisizioni: nel primo caso si raggiunge la guarigione in tempi incredibilmente veloci e attraverso modalità assolutamente inattese, nel secondo caso si riesce ad inquadrare le cose così per come sono davvero, il che costituisce un ottimo punto di ripartenza. Consiglio con gioia il metodo ArchetHealing a tutti coloro i quali ricercano risultati tangibili e definitivi, a tutti coloro i quali aspirano a trovare risposte alle domande che si pongono da sempre, a tutti coloro i quali non temono di scoprire l'incredibile potere che portano racchiuso dentro.

Alessandra dalla Zanna di Padova
Ho incontrato il metodo ArchetHealing nel 2019 durante una ricerca in rete. Sono entrata nel sito di Fraternity e curiosando sulla mole di materiale che Edoardo ha messo a disposizione mi incuriosisco e inizio a leggere di questo metodo. Ne rimango affascinata! Allora dopo un po’ di giorni l'ho contattato e ho incontrato un anima, una guida e un maestro. Ho acquistato subito il libro e poche settimane dopo ho iniziato il percorso preparatorio. È stato una rivelazione! Dopo il corso base, a fine anno ho iniziato il percorso per diventare operatore ArchetHealing e allo stesso tempo, sotto la guida amorevole di Edoardo, anche il lavoro su di me. Sono stati 28 giorni di rivelazioni: non pensavo di riuscire ad avere tanta disciplina e costanza. Sono entrata dentro di me senza forzature... semplicemente seguendo la pratica che mi ha portata, lungo tutto il percorso, ad accedere a livelli di coscienza più elevati e, alla fine, ad un vero atto di liberazione. Potrei definire questo metodo una: catarsi.
Il metodo, nella sua semplicità, è assolutamente efficace! È un processo che permette di trasportare, in maniera fluida, ad una profonda guarigione a più livelli: dalla personalità all’anima... ma anche nel corpo. Grazie Edoardo per avermi resa partecipe del frutto dei tuoi anni di studio, lavoro e dedizione, per dare a tante persone la possibilità di liberarsi dalla sofferenza.